Oggi sembra primavera.

Io ho un cardigan leggero e un cappotto pesante, un sacchetto (ancora) natalizio e il collo scoperto.
È una giornata strana, tutti sembrano sopraffatti da questo caldo irreale e questa luce pallida.
Non so quanto durerà. Il caldo, intendo. E anche il pallore, interrotto soltanto da quest’azzurro sfacciato negli occhi dell’uomo che mi siede di fronte.
È come se dovesse succedere qualcosa da un momento all’altro, come se tutti lo sapessimo ma facciamo finta di non  pensarci leggendo un quotidiano free press di pessima qualità.
In treno oggi si parla poco: il pallore ammutolisce. O forse è l’attesa.
A volte i binari passano in mezzo a campi coltivati o terreni fatti di niente, tra gli ortaggi messi in fila e i vecchi ferri abbandonati.
Poco fa c’era un mucchietto di fogli colorati e bruciacchiati, buttati a terra alla rinfusa senza un motivo apparente. Forse non avevano preso fuoco, non lo so, ma io mi sento così.

Annunci

Una risposta a “Oggi sembra primavera.

  1. oggi da me sembrava l’apocalisse. Ho sentito un poco di sole, con te. Grazie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...