Roma. Luglio 2010. – Tenere le parole per non lasciar andare le cose.

Consumare i sandali e sudare tantissimo, distruggersi le caviglie e averci le guance rosse.
Le fontane per strada, le coccole la mattina e il caffè ad ogni ora, le battute pessime e le risate fragorose.
Avvertire distanze senza misurarle, fottersene e sfanculare il mondo. Intossicarsi e disintossicarsi. Improvvisare le giornate, le canzoni, le frasi, gli abbracci.
Osservare e sorprendersi, conoscere e riconoscere.
Sentire che quella città  non sarà mai “casa” ma certe persone possono esserlo.
Sentire che è tutto lì ed è tutto vero.
La verità sarà anche noiosa ma a volte é l’unica cosa di cui abbiamo bisogno.


Joao Louro – My Dark Places
@ MACRO – Rome

Annunci

Una risposta a “

  1. Giadaaa sono stracontentissimo che tu sia ripassata da me!!!! Come va? Finito la tesi? Stavi parlando di Roma? Un salutobaciotto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...