Don’t fall in love.

Quando ero piccola non avevo un fidanzato.
Ne ebbi uno solo nell’anno in cui feci ginnastica artistica.
Ero uno scricciolo col body turchese, la frangetta e le margheritine bianche tra i capelli nerissimi.
Eravamo i più piccoli, sempre al centro della coreografia e ci scambiavamo bacini sulle guanciotte: adorabili.
Lui aveva un nome bello, era dolce e pieno di boccoli.
Fu una storia fugace, di lui persi ogni traccia.
Poi cominciarono le elementari.
Non ebbi mai un fidanzatino a cui tenere la mano e per cui arrossire, non accettai mai i bigliettini lanciati da un banco all’altro che recitavano "vuoi fidanzarti con me? metti una X sul SI o sul NO".
Non soltanto perché effettivamente c’era, da parte mia, poco interesse verso il sesso opposto, ma soprattutto perché ero inesorabilmente innamorata di un mio compagno di classe.
Un biondino prepotente e un po’ lentigginoso, con gli occhi scuri.
Il suo passatempo preferito era prendermi in giro, seguito a ruota dal prendere brutti voti.
Era confusionario e parlava a voce alta, faceva scherzi a chiunque e scopiazzava spudoratamente i compiti.
Uno di quelli che dimenticava il libro, o il quaderno, o la penna, o il nastro adesivo che la maestra ci aveva detto di portare.
Leggeva male e ignorava la punteggiatura, scriveva disordinatamente.
L’esatto opposto dell’alunna-modello che ero io.
Lui coi capelli sconvolti, io con un caschetto perfetto; lui svogliato, io diligente; lui distratto, io attentissima.
Per non parlare di quanto fosse egoista e presuntuoso, un piccolo teppista con la coccarda sempre messa male sul grembiule.
Io ne ero visibilmente e perdutamente innamorata, pur essendo consapevole che fosse un teppistello spocchioso da ignorare.
Persino suo padre mi prendeva in giro. Odiosi entrambi.
Forse adoravo in lui tutto ciò che io non ero.
Forse ero, già allora, attratta da cose (e persone) evitabili.

Qualche giorno fa, mentre giravo per casa appena sveglia, mentre mi strofinavo gli occhi e stiracchiavo le braccia, ho calpestato qualcosa.
Era un insetto grosso e orribile, di quelli col guscio "croccante", tipo le cavallette.
Disgusto indicibile.
Per fortuna, cosa assai rara, avevo le ciabatte.

Forse sono rimasta sempre la stessa: mi imbatto, mio malgrado, in "cose" evitabili che non riesco a scansare.
Però sto evitando di calpestarle a piedi nudi, ed è già un passo avanti.

Annunci

23 risposte a “

  1. Oh mio Dio che schifo… -.-
    Già non puoi finirmi un post del genere così!
    bacino

  2. invece a me piace l’accostamento uomini-insetticroccanti

  3. VOGLIO la foto di Giada piccina col caschetto! ^_^

    ho il pregio di essere una persona evitabile, o perlomeno col guscio croccante. e la penso così: se l’omo non fa *croc* è un mollusco :p

  4. voglio la foto col caschetto pure io sia chiaro.

    E tieni ben salde le pantofole cucciola mia.
    un bacio grande

  5. parto dalla fine…
    chi schif!! io mi sarei messa a piangere (niente mi dice che tu non l’abbia fatto!)…
    anch’io come te cammino sempre a piedi nudi e l’idea di ciò che potrei calpestare soprattutto di notte mi fa uno schifo assurdo!!
    ritorniamo all’inizio…
    mi pare un pò la versione di tre metri sopra il cielo stile elementari!!! (concedimelo!)…
    io posso dire che alle elementari ero una delle bambine più corteggiate della scuola… solo che io schifano tutti… poi la natura si è rivoltata contro di me!!

  6. per me il tunnel dei bigliettini “vuoi metterti assieme a me SI NO” è iniziato più tardi, alle scuole medie. mi ricordo che piacevo a “quello carino”, timidino, biondo, con l’apparecchio, l’idolo delle mie compagne.
    io avevo fatto la primina, ero la più piccola della classe e all’ammmore non ci pensavo ancora, quindi ero molto scandalizzata dal fatto che questo bambino mi avesse dichiarato i suoi sentimenti con tanto ardore e lasciai cadere la cosa. non dimenticherò mai il commento di mia sorella, all’epoca 8 anni: “quanto sei stupida, intanto ti ci fidanzavi e lo toglievi alle altre!”

    tutto questo per dire che ero cazzona anche allora.

  7. Oddio, i bigliettini…che ricordi!!!!!
    Nenache io ho mai avuto un fidanzatino alle elementari, ero persa di un coetaneo dell’altra sezione, bellissimo, che aveva una fidanzatina diversa ogni mese… non ero gelosa, perchè pensavo che tanto da grandi sarei stata io quella a sposarlo… che tenerezza!!!

  8. [battuta-ovvia]

    Fammi capire. Eri innamorata di me e non me l’hai mai detto?

    [battuta-normale]

    Tutte così, voi ragazzine bischere. Sempre a sbavare dietro al teppistello dell’ultima fila, quando noi – bravi ragazzi del primo banco – abbiamo un sacco di virtù nascoste (molto bene) delle quali avreste potuto innamorarvi senza problemi.
    Tse’…

  9. Meglio portare sempre le ciabatte: pensa se dovessi calpestare un povero riccio! Ma chiudiamo qui l’argomento che potrebbe ispirare brutti ricordi…Bacio

  10. non avrai ucciso un povero insetto innocente!!!

  11. Ti stanno nominando per la sexy blogger 2008! 😀

  12. Ero tutta presa dalla poesia dell’amore adolescenziale, che sono rimasta un po’ di stucco nel pensare al bacarozzo spiaccicato.

  13. A me non lo hanno mai lasciato un bigliettino simile. Tristezza a palate. 😦

  14. anche io alle elementari non avevo un fidanzatino… ma semplicemente perchè cicciottella, pelosa e con l’apparecchio… insomma ‘o cess! cmq mi è piaciuta molto la mertafora dell’insetto… brava Giada!

  15. il bigliettino vuoi fidanzarti con me con i riquadri si – no da barrare.. pensavo che era successo solo a me!?!?! allora è stata un usanza nazionale.. che scoperta..

  16. nooooooooo, hai ucciso gregor samsa!!!

    PS. io, alle elementari, ho fatto da ‘prete’ per far fidanzare tale andrea c. con marina (sosia di lamù, tranne che per le corna). solo che ero pazzo di lei, e ho rosicato tanto. ma tanto.

    durante la ‘cerimonia’, però, ho detto frasi in latino al contrario. e devo dire che la settimana dopo se sò lasciati. zeus gracias.

  17. @ANNIFRA: oddio, ma che dolceeee *_*

    @TAQS: ammazza, scaltra (e precoce) la sorella!
    Io alle medie feci finta di non sentire un compagno di classe che mi chiedeva di fidanzarmi con lui… dopodiché scappai via con un’adorabile colorito fucsia in volto.

    @ALBICOCCA: piagnucolavo pure io… e stavo lìlì per vomitare, credimi! -__-”

    @MAGHETTA: mai più senza ciabatte amore, te lo giuro!!! :***

    @LEPASSANTI: uh, ce ne sono a iosa di mie foto caschettose! 😛

    @IMNOTWEIRD: anch’io -non a caso- lo trovo calzante! 😉
    solo che forse gli omini sono più viscidi…

    @MOOOOORBIDA: ma che posso farci? capita! 😛

    @MR.HEARTBEAT: ma ciao 🙂

  18. @F4Bi4No: ho riso tre quarti d’ora per il tuo commento, è normale? 😀

    @AZIONECOMUNICA: mannò, i bigliettini amorosi uniscono i bambini e gli adolescenti di tutto il mondo 😛

    @SEMPLICEBANALE: meno male che almeno tu hai apprezzato l’accostamento insettoso, je t’adore!

    @BIMBASTRONZA: Ma nuuu, poveraaaa :**

    @ALLITTERATA: eh, i bacarozzi arrivano quando meno te lo aspetti!! =)

    @HTTP500: uao! XD

    @ELFKOENIG: ma è lui ad essersi suicidato sotto la mia ciabatta!!

    @ALBOLO: uuuh, sento odore di aneddoto, racconta!

    @CLOCKWISE: eeeeh, queste cose si capiscono col tempo. ma meglio tardi che mai, no? 😉

  19. la legge delle antinomie dovrebbe funzionare!

    con quel teppista proprio nulla, ma nulla nulla?
    un bacetto, un sorriso una stretta di mano,un abbraccio, un saluto????

    mi rifiuto di crederci…

  20. Sei meravigliosa *_*

    E sai è un po’ quello che anch’io sto cercando di fare, quando mi imbatto in cose “evitabili” che però alla fine non si riescono ad evitare.

    Sei la mia gemellina, lo dico sempre!

  21. quegli insetti croccanti puzzano pure un bel po’. A me ne è uscito uno dall’accappatoio una volta…

  22. che bello qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...